Diario di Vendemmia 2015 – IV bollettino

Il varo delle “rosse”

Parlando di uve come Barbera e Croatina, c’è chi parla di varietà a grappolo nero, chi invece a grappolo rosso. In questa occasione, il “rosso” ci piace di più.

Il 10 settembre 2015 è iniziata questa vendemmia. Le uve bianche non sono del tutto ultimate. Restano soprattutto quelle prodotte alle quote altimetriche maggiori.

La vendemmia delle uve rosse è iniziata dalle vigne in condizioni avanzate di maturazione, vuoi perché si tratta di impianti molto giovani i cui ritmi di maturazione di solito sono più accelerati, vuoi perché si tratta di “posizioni” particolarmente assolate, che si sono potute giovare di un clima più favorevole e hanno seguito un percorso evolutivo privilegiato.

Ecco, quindi, che per tre giorni (10, 11 e 12 settembre), gli impianti di vinificazione della Cantina di Vicobarone lavoreranno soprattutto con le uve nere, Barbera e Croatina (in zona detta Bonarda) per le prime produzioni di Gutturnio.

I riscontri derivanti dalla vinificazione dei primi 500 quintali di uve, in prevalenza Barbera, confermano anche per questi vitigni molti dei caratteri già citati per i bianchi, ovvero uve sane, belle, con rese per ettaro nella norma. Ottime anche le gradazioni zuccherine, ma non esagerate e, per la Barbera, buoni i livelli di acidità.

Quest’ultimo fatto ci consente di dire che quest’anno le uve Barbera saranno una bella risorsa nell’equilibrare il binomio varietale del Gutturnio, con la Croatina che invece segna una struttura acida più contenuta.

Venerdì 11 e sabato 12 settembre saranno anche i giorni in cui saranno pigiate le prime uve del “Patto Qualità”, che la Cantina di Vicobarone sta attuando con i suoi associati e che sono destinate a produrre i cosiddetti “Vini Selezione”.

Quanto ai caratteri dei vini derivanti da Barbera e Croatina (Gutturnio in primis, ma non solo) rimandiamo alla prossima comunicazione in quanto le loro prime svinature sono previste per martedì 15 settembre prossimo.

Vicobarone, 10 settembre 2015