La cina è vicina per la Cantina di Vicobarone

Sono ormai diversi anni che la Cantina di Vicobarone dedica la sua attenzione al mercato cinese.

Percorrendo all’incontrario la famosa Via della Seta che ai tempi di Marco Polo attraversava tutto l’Oriente per portare in Europa i preziosi tessuti, i vini della Cantina di Vicobarone fanno da tempo il percorso opposto e incontrano sempre maggiore successo sul mercato cinese, tanto che la cantina stessa è costantemente presente a degustazioni e fiere. L’ultima è stata quella di fine maggio a Guangzhou (Canton), grande città del sud che, con quasi 13 milioni di abitanti, è la terza città della Cina dietro a Shangai e Pechino.

“Dopo il boom dei vini rossi, ora sta salendo l’interesse per i nostri vini frizzanti e spumanti come la Malvasia frizzante dolce e il rosè spumante” racconta Fabrizio Malvicini, vicepresidente della Cantina di Vicobarone, da poco rientrato in Italia. Una nuova tendenza di consumo che favorisce la diffusione proprio dei vini che fanno parte della gamma della cantina, dai più tipici come la Malvasia, prodotta anche nella versione frizzante dolce, una scoperta tra i vini bianchi dolci che i Cinesi amano particolarmente, ai più innovativi come l’Haris spumante rosé.

Ma i recenti viaggi in Cina dei rappresentanti della Cantina di Vicobarone hanno stimolato anche la curiosità dei partner cinesi dell’azienda, che hanno voluto conoscere le colline del vino piacentine. Così, recentemente, la cantina ha ospitato una delegazione commerciale dalla città di Qingdao, centro costiero dell’est della Cina, importante porto per il commercio internazionale, che ha ospitato anche le gare di vela dei giochi olimpici 2008.

Era la prima visita nel territorio piacentino di Andrew Yu, presidente di un’importante azienda locale di distribuzione e della responsabile della logistica Jessica Xiang che hanno visitato la cantina a Vicobarone e in seguito sono stati ricevuti dal Presidente del  Consorzio di Tutela Colli Piacentini, Roberto Miravalle.

 

 

SCARICA .doc